PROGETTO “ABBAIAMI UNA STORIA”

Progetto costruito ad hoc per bambini con disturbi dell’apprendimento a Milano, scuola Elementare G.B. Perasso

Estratto dall’articolo del corriere della sera- buone notizie:

“Nella scuola elementare di via Bottego, a Milano, condivide con un gruppo di alunni le pagine dei libri da sfogliare,iInsieme a Belle, splendido Golden retriver, rimuove le paure dei bambini che faticano a esprimersi: un’ora di lezione facilita la relazione e l’apprendimento linguistico.

«Nella vita dei bambini la scuola è portatrice di valori, nel nostro caso abbiamo qualcosa in più», dice la preside, Alessandra Barbarisi. «A noi piacciono le sfide», spiega Maggie, contagiando con il suo entusiasmo ogni maestra che incontra nel lungo corridoio che porta alla sala lettura. «Il progetto nasce dalle nostre esperienze con persone specializzate nei disturbi dell’apprendimento. Non c’è niente di improvvisato. Abbiamo studiato, provato, messo insieme saperi e competenze». Elena fa parte della Cooperativa «Tempo per l’infanzia», da anni supportano il disagio nel quartiere con corsi specifici e lavori sulla disabilità. La pet therapy è uno strumento di lavoro. «Lavoriamo nei nidi per l’infanzia e nelle materne, facciamo prevenzione contro il disagio sociale e la dispersione scolastica, collaboriamo con il Comune e con gli uffici di zona». L’incontro con Maggie è stato una scintilla. Il progetto di lettura con i cani è nato da un sentimento comune: aiutare nell’apprendimento i bambini problematici e quelli che hanno difficoltà con la lingua italiana.

Il progetto, nato all’interno di una classe, da un paio d’anni è diventato didattica. I bambini apprezzano, ormai fanno il tifo. «Certi ragazzi, classificati come diversi, comprendono molto più di quello che riescono a tirare fuori», spiega Elena. I cani li aiutano a sciogliere le tensioni. «Noi ci auguriamo che molti di loro si appassionano alla lettura e che i libri entrino sempre più nella loro vita», aggiunge Maggie . I genitori sono entusiasti. «Molti chiedono di inserire i cani lettori anche alle medie». Il prossimo passaggio è l’università. Elena e Maggie vorrebbero dare valenza scientifica al progetto, che suscita attenzione anche all’esterno. «Manager no profit», l’associazione che raggruppa professionisti che offrono aiuto e consulenza gratuita al mondo del volontariato, si è attivata per valorizzare l’esperienza: ha creato un logo e ha lanciato con successo una campagna di crownfunding, per la pet therapy al Mondino, il centro neurologico di Pavia. Cani lettori contro i disturbi dell’alimentazione. Il primo sostegno era venuto dalla Fondazione Cariplo.”

Questo importante progetto, per assicurare la qualità ed innovazione del servizio,unisce diversi professionisti :

-in disturbi specifici dell’apprendimento,

– l’equipe multiprofessionale di IAA di Tempo per l’Infanzia

– per le fasi di monitoraggio e progettazione i professionisti di apprendere facile 2

– per la parte di ricerca sul comportamento e relazione uomo animale, la Prof. Emanuela Prato Previde dell’Università di Milano

leggi l’articolo completo del corriere 

 

 

18 NOVEMBRE : ABBAIAMI UNA STORIA AL BOOK CITY MILANO